Roma Sotterranea

Roma sotterranea è una delle visite da mettere in programma in un soggiorno a Roma alla scoperta dei segreti della città, un itinerario affasciante tra i fasti dell’impero, vicende storiche e religiose che arrivano fino ai nostri giorni. Ecco tre dei luoghi di Roma sotterranea da non perdere.

Sotterranei delle Terme di Caracalla. Se state pensando a dei cunicoli angusti vi sbagliate, questi sotterranei sono una piccola città, con gallerie larghe e alte sei metri che schiavi e carri attraversavano per trasportare la legna per i fuochi di riscaldamento di acque e ambienti. Uno spettacolo magnifico, come il mitreo, luogo di culto del dio Mitra scoperto nel 1912, il più grande di Roma. Ben visibili sono la fossa sanguinis per la raccolta del sangue del toro sacrificato e l’affresco raffigurante Mitra.

Putridarium di Sant’Andrea delle Fratte. La chiesa è famosa per il campanile e la cupola di Borromini, il grande architetto del Barocco romano, non tutti sanno invece che sotto l’altare della basilica si trova l’incredibile putridarium di epoca medioevale, unico esempio a Roma, il locale dove venivano posti su sedili in pietra con scolatoio, i cadaveri dei frati per la decomposizione. 

Bunker di Palazzo degli Uffici EUR. Realizzato tra il 1937 e il 1939, il rifugio si trova sotto il palazzo, il primo edificio tra quelli progettati per l’Esposizione Universale di Roma. Il bunker doveva accogliere a 32 metri sotto il livello del mare, in grandi ambienti di 475 mq, gli impiegati degli uffici in caso di attacchi aerei o con il gas durante la seconda guerra mondiale. I cartelli indicano i posti riservati alle impiegate, l’invito al silenzio e alla calma. Ben visibili ancora le valvole di aerazione antigas. 

 

<< Indietro